Pin It

Sono state rese note le modalità e i criteri per accedere al contributo a fondo perduto destinato alla filiera della ristorazione. Le domande devono essere presentate entro il 28 novembre con modalità online o presso gli uffici di Poste Italiane. Vediamo di seguito, le informazioni utili e la documentazione necessaria per la richiesta del bonus.

Requisiti e spese ammissibili

Il Fondo per la filiera della ristorazione prevede un bonus che va da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 10.000 euro, ed è rivolto ai ristoranti che acquistano prodotti 100% Made in Italy. Nello specifico, i ristoranti, gli agriturismi, gli hotel con somministrazione di cibo e tutte le attività che sono in possesso dei requisiti necessari (come risulta dall'elenco dei codici ATECO ufficializzato dall'ultimo decreto attuativo), possono inoltrare la domanda di accesso al contributo dal 15 al 28 novembre 2020.

Le imprese interessate devono, inoltre, dichiarare un fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2020 inferiore ai tre quarti dell'ammontare del fatturato dello stesso periodo del 2019, ad eccezione dei soggetti che hanno avviato l'attività a partire dal 1° gennaio 2019.

A seguito della verifica dei requisiti, il bonus sarà riconosciuto a prescindere dall'ordine in cui vengono presentate le domande. Se l'esito della verifica darà esito positivo, il Ministero predisporrà da subito un bonifico postale pari al 90% del valore totale del bonus assegnato. Mentre il saldo dovrà essere richiesto nei successivi 15 giorni. 

Per accedere al contributo, è necessario acquistare almeno tre differenti tipologie di prodotti agricoli; il prodotto principale non deve superare il 50% della spesa totale sostenuta (per saperne di più, scarica qui la tabella dei prodotti che è possibile comprare per accedere al bonus).

Bonus Ristoranti: modalità di invio della domanda

Le domande possono essere inviate seguendo due modalità:

  1. online tramite il Portale Ristorazione;
  2. consegna del plico presso un ufficio di Poste Italiane.

Per la modalità telematica tramite il Portale Ristorazione, bisogna essere muniti di SPID (identità digitale), utile per l'accesso alla piattaforma. Inoltre, il richiedente deve produrre la seguente documentazione:

  • visura camerale in corso di validità;
  • copia dei documenti fiscali per certificare gli acquisti dei prodotti ed eventuali documenti di trasporto;
  • copia delle quietanze associate ai documenti fiscali, se già disponibili al momento della presentazione della domanda (questi documenti possono essere presentati anche successivamente, ossia quando si andrà a richiedere il saldo del contributo).

Una volta entrati nel portale, bisogna inserire i dati richiesti ed effettuare il pagamento online di un bollettino relativo al corrispettivo di 30 euro per il servizio.

Chi, invece, preferisce consegnare la documentazione presso un ufficio di Poste Italiane, dovrà prima di tutto compilare l'apposito modulo (scarica qui il "Modulo di Domanda - Fondo per la Filiera della Ristorazione"). Il modulo compilato e firmato deve essere inserito nel plico, che dovrà contenere anche i seguenti documenti:

  • fotocopia delle fatture certificanti gli acquisti dei prodotti ed eventuali documenti di trasporto;
  • visura camerale in corso di validità;
  • quietanze associate ai documenti fiscali.

Anche in questo caso è previsto il pagamento di un bollettino relativo al corrispettivo di 30 euro per il servizio, che potrà avvenire al momento della consegna presso l'ufficio di Poste Italiane scelto. 

 

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo