I contributi a fondo perduto per il turismo, erogati dall'agenzia Invitalia, per finanziare sia imprese esistenti che nuove iniziative imprenditoriali, costituiscono delle importanti opportunità. Vediamo quali sono i bandi attualmente aperti e come accedere alle varie misure.

Inserto: Ultimi aggiornamenti su finanziamenti e agevolazioni 2018-2019

  • 1

L'agenzia Invitalia, estensione del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), ha l'obiettivo di finanziare una varietà di settori (non solo turismo e cultura) con l'obiettivo di sostenere le imprese esistenti, creare start-up e supportare l'occupazione nei settori strategici e ad alta innovazione.

La caratteristica dei bandi Invitalia è la necessità di presentare un business plan, oltre alla documentazione specifica per ogni misura. La tipologia va dai finanziamenti agevolati a tasso zero, fino a contributi a fondo perduto, che coprono quasi la totalità delle spese sostenute.

Vediamo ora quali sono i bandi a cui si può accedere nel settore turistico (tra cui hotel, b&b, strutture ricettive, attività collegate ad attrazioni turistico-culturali, agenzie viaggi, portali turistici, ecc..), e quali sono i requisiti per fare domanda.

Cultura Crea: contributi a fondo perduto per il Turismo

Bandi cultura crea attualmente aperti per il turismoI finanziamenti relativi al bando "Cultura Crea" si rivolgono ad imprese turistiche e culturali, con contributi fino a 400.000 euro per nuove imprese e fino a 500.000 euro per imprese esistenti che presentano la domanda. I finanziamenti erogati (sia in forma di finanziamenti a tasso zero, che di contributi a fondo perduto) arrivano a coprire fino all'80% delle spese ammissibili, oppure fino al 90% in caso di premialità (imprese femminili, giovani, rating di legalità). 

  • Nuove imprese nel settore turismo e cultura: possono fare domanda le società costituite da meno di 3 anni o team di persone che intendono avviare un impresa (non ancora costituita). Il finanziamento copre sia i nuovi investimenti che spese di gestione e personale. La quota a fondo perduto arriva fino al 40% (oppure 45% in caso di premialità), e la rimanente parte a tasso zero.
  • Imprese esistenti: possono richiedere il finanziamento le imprese costituite da oltre 3 anni, sia per nuovi investimenti che per spese di gestione e personale. La sola differenza con le nuove imprese è nella proporzione tra la quota a fondo perduto (fino al 25%) e quella a tasso zero (fino al 65%).

Al 1 Ottobre 2018 risultano 144 aziende finanziate per un totale di 22,5 milioni di euro. Per maggiori dettagli sui finanziamenti a fondo perduto Cultura Crea, e il link per presentare la domanda online vedi:

  • 1
 

Gli altri bandi Invitalia per le start-up

Oltre al bando Cultura Crea, Invitalia mette a disposizione altri due strumenti per nuove imprese (comprendendo anche quelle del settore turistico, purchè aventi i dovuti requisiti):

  • finanziamenti a fondo perduto per imprese turistiche, hotel, strutture ricettiveSmart & Start: destinato alle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, e Sicilia, la finalità di questo strumento è finanziare le start-up innovative. La misura è stata finanziata con 45,5 milioni di euro con il PON Imprese e Competitività 2014-2020, e con 95 milioni di euro dal MISE, come approvato dalla Legge di Bilancio 2017. Al 1 gennaio 2018, risultano oltre 100 milioni di euro di risorse disponibili per nuovi progetti, e circa 40 milioni di euro di progetti in corso di valutazione. Le imprese turistiche che vorranno avvalersi di questo strumento, dovranno presentare un business plan in cui gli elementi di innovazione e nuove tecnologie siano preponderanti (per informazioni vedi Smart&Start Italia).

Finanziamenti B&B, Hotel e altre strutture ricettive

Gli strumenti per finanziare bed & breakfast, affittacamere, alberghi e altre tipologie di strutture extra-alberghiere - ammesso che tali attività si configurino interamente come esercizio d'impresa (quindi esclusi i b&b familiari senza partita iva) - dipendono solitamente da misure a carattere regionale, quando sono dedicati esclusivamente alle categorie citate, ma possono essere oggetto anche di misure più estese grazie a strumenti nazionali o europei, come ad esempio gli incentivi per l'acquisto di servizi tecnologici (ad esempio il voucher digitalizzazione, il bando industria 4.0) o per la ristrutturazione edilizia, l'arredamento e la riqualificazione (ad esempio il bonus fiscale hotel e agriturismi). 

Solitamente gli strumenti finanziari sono vari, per cui occorre un'attenta analisi dei requisiti e degli obiettivi aziendali. Per maggiori informazioni è possibile usare i nostro servizio "l'esperto risponde" in collaborazione di studi professionali specializzati in finanza agevolata.

MiBACT e Invitalia insieme per le start-up turistiche

FactorYmpresa Turismo è un programma congiunto tra MiBAC Invitalia (che ha il compito di gestirlo nei suoi vari aspetti). Il programma si compone sia di incentivi e contributi sia di servizi di orientazione e formazione che hanno come scopo l'accrescimento della competitività e dell'offerta qualitativa delle aziende del comparto turistico.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale www.factorympresa.invitalia.it con i corsi di formazione, gli eventi e le "call" per accedere avari strumenti di sostegno economico.

Dai primi laboratori ad oggi: innovazione sempre al centro

Con un'iniziativa sostenuta dal MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e da Invitalia - il Laboratorio #100StartupTurismo - tenuto il 27 Aprile 2017 a Roma (Museo MAXXI), si è posta una forte enfasi sulle nuove idee imprenditoriali in ambito turistico. Un intera giornata dedicata all'innovazione sul turismo e gli strumenti di finanziamento e supporto delle attività imprenditoriali.

Le dichiarazioni dell'ex-ministro Franceschini, e degli altri esponenti intervenuti, vanno verso un rafforzamento degli strumenti attuali, grazie agli ottimi risultati ottenuti fino a questo momento in termini di imprese finanziate.

Il turismo è infatti uno dei settori che presenta un più alto tasso di innovazione, e gli strumenti in essere hanno lo scopo di supportare gli imprenditori che intendono "cavalcare" i nuovi trend del settore. Durante l'evento informativo (vedi il comunicato stampa di Invitalia) sono stati attuati 5 "tavoli tematici" sulle innovazioni: nuovi modelli di business in ambito turistico, offerta turistica, sostenibilità ambientale, destinazioni emergenti e operatori turistici.

Gli ultimi incentivi per il 2019: bonus e contributi a fondo perduto

Ritornando agli aggiornamenti di quest'anno, che riguardano iniziative che copriranno tutto il 2019, il tema principale sembra essere lo "smart tourism", ovvero l'utilizzo della tecnologia a servizio dei vari operatori: strutture ricettive (dai b&b e piccoli affittacamere, fino alle grandi catene alberghiere) intermediari, tour operator e ovviamente i viaggiatori che nel tempo sono portati ad adottare sempre più strumenti "smart". Ovviamente anche la riqualificazione dell'offerta turistica in generale (ad esempio le agevolazioni per ristrutturazioni e arredo) sono dei temi per cui sono disponibili alcuni strumenti specifici, sperando che anche nei prossimi anni le dotazioni finanziarie a disposizione siano mantenute e aumentate. Per maggiori informazioni vedi la sezione finanziamenti agevolati per approfondire le iniziative e i bandi già aperti o di prossima apertura.

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti