Pin It

Sono state riconosciute anche per il terzo trimestre 2022 le agevolazioni sotto forma di credito d'imposta (introdotte dal precedente Decreto Sostegni Ter) per il consumo di energia elettrica e gas naturale sostenute nel primo e secondo trimestre 2022.

A confermare questa proroga, l'art. 6 del Decreto Aiuti Bis, che si pone come scopo quello di sostenere economicamente le imprese italiane messe a dura prova dal caro-energia. Nuovi provvedimenti, inoltre, sono attesi nei prossimi giorni, soprattutto dopo le incessanti richieste delle associazioni di categorie, che chiedono a gran voce una tutela maggiore per le aziende che operano nel settore turistico-ricettivo e per gli stabilimenti termali (per approfondire, leggi anche "Aumento dei prezzi dell'energia e gli effetti sul settore alberghiero: l'indagine e le richieste di Federalberghi").

Nell'attesa di conoscere quali saranno le nuove misure che adotterà il Governo, vediamo di seguito gli incentivi attualmente disponibili per far fronte alle spese di energia e gas sostenute nel terzo trimestre 2022. Ricordiamo che i crediti d'imposta riconosciuti da questa misura possono essere utilizzati in compensazione tramite Modello F24 entro il 31 dicembre 2022. In alternativa, i medesimi crediti possono essere ceduti per intero (sempre entro il 31 dicembre 2022) ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

Credito d'imposta per i consumi di gas naturale

Per le imprese diverse da quelle a forte consumo di gas è riservato un credito d'imposta pari al 25% delle spese sostenute per l'acquisto del gas naturale consumato nel terzo trimestre 2022. L'agevolazione viene riconosciuta qualora i prezzi di riferimento del Mercato Infragiornaliero (MI-GAS) pubblicati dal Gestore del Mercati Energetici (GME), abbiano subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio del terzo trimestre 2019.

Credito d'imposta per i consumi di energia elettrica

Anche per le imprese diverse da quelle considerate energivore, dotate di contatori con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, è prevista un'agevolazione per l'acquisto di energia elettrica. Il credito d'imposta in questo caso è pari al 15% delle spese sostenute per l'energetica elettrica acquistata ed effettivamente utilizzata nel terzo trimestre 2022. Il beneficio è riconosciuto qualora il prezzo della componente energia elettrica, al netto di imposte e sussidi, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30% rispetto al terzo trimestre 2019.

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo