Pin It

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale (firmato lo scorso 30 dicembre e pubblicato il 19 febbraio 2022), dei ministri dello Sviluppo Economico e dell'Economia e Finanze, diventano operative le regole per accedere ai contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegni Bis per l'anno 2021. La misura è rivolta al settore Ho.Re.Ca., oltre che al comparto del wedding e dell'intrattenimento (eventi, feste e cerimonie).

In attesa dei decreti attuativi relativi al DL Sostegni Ter, con il quali verranno stanziati, per l'anno 2022, ulteriori 40 milioni di euro a favore degli stessi soggetti beneficiari (per saperne di più leggi anche "Decreto Sostegni Ter: quando arriveranno i contributi a fondo perduto? Decreti attuativi per Turismo e Ristorazione"), le imprese considerate tra le più danneggiate dall'emergenza covid e dalle conseguenti misure restrittive potranno accedere, ben presto, ai 60 milioni di euro messi a disposizione dal Governo attraverso il DL Sostegni Bis

Nei paragrafi successivi, forniremo schematicamente le informazioni sulla misura, focalizzando l'attenzione sui requisiti e sulle modalità di accesso.

Beneficiari e ripartizione delle risorse

Stando al decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta, i 60 milioni di euro stanziati per l'anno 2021 saranno così ripartiti:

  • 40 milioni al settore del wedding e, più dettagliatamente, alle imprese il cui fatturato deriva per almeno il 30% da questa attività (vedi Codici ATECO riportati nella tabella A);
  • 10 milioni al settore degli eventi e feste (vedi Codici ATECO riportati nella tabella B);
  • 10 milioni al settore Ho.Re.Ca. (vedi Codici ATECO riportati nella tabella C).

Le imprese incluse nella platea di beneficiari potranno richiedere i contributi a fondo perduto, solo se rispondono al requisito del calo del fatturato. Nello specifico, le aziende devono aver registrato nel 2020 una riduzione del fatturato non inferiore al 30% rispetto all'anno 2019. Inoltre, per la determinazione degli importi si terrà conto del peggioramento del risultato economico d'esercizio prendendo in riferimento le percentuali definite nel decreto del Mef.

Invio domande di accesso

I soggetti richiedenti potranno inoltrare istanza per via telematica, sulla piattaforma che verrà messa a disposizione dall'Agenzia delle Entrate. Le istruzioni sulla compilazione della domanda e sulle relative modalità di trasmissione, saranno rese note dall'ente attraverso la pubblicazione di un avviso che riporterà anche le date di apertura e chiusura dello sportello telematico.

Una volta effettuate le verifiche delle domande inoltrate, gli importi riconosciuti saranno accreditate dall'Agenzia delle Entrate direttamente sugli IBAN indicati dai richiedenti, secondo le seguenti percentuali: 

  • il 70% tra tutte le imprese ammesse al beneficio;
  • il 20%, in via aggiuntiva tra le imprese ammesse che presentano un ammontare dei ricavi superiore a 100 mila euro;
  • il restante 10%, in via aggiuntiva, tra le imprese ammesse con ricavi superiori a 300 mila euro.
Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo