La comunicazione e il marketing dell'hotel sono molto più efficaci se sono coinvolti i dipendenti, lo dimostra anche uno studio recente di LinkedIn sull'uso dei social media.

Da questo ne deriva una vera e propria strategia di marketing per le strutture ricettive, che vede i social networks capaci di veicolare una clientela giovane e non solo, contando sulla collaborazione diretta dello staff.

In pratica, gli utenti sono molto più inclini a condividere ed interagire sui contenuti se questi sono condivisi attraverso gli account dei dipendenti di una struttura, piuttosto che attraverso le pagine istituzionali.

In particolare, lo studio di LinkedIn rivela che gli utenti interagiscono il doppio con i post che arrivano dagli account dei dipendenti, rispetto a quelli che arrivano dalla pagina istituzionale.

La ragione per questo risultato eclatante è che la provenienza del contenuto è importante. E quando questo proviene da un dipendente (una persona in carne e ossa) la percezione di autenticità e la fiducia crescono.

La strategia "Employee Advocacy"

Si chiama "Employee Advocacy" e come suggerisce il termine inglese si tratta di dipendenti (di piccole strutture o di grandi brand) che sono coinvolti direttamente, e "testimoniano" contenuti relativi alla propria azienda e al brand.

Solitamente, chi fa delle campagne di social media marketing, pianifica dei contenuti che possano coinvolgere gli utenti, in modo particolare il proprio target di potenziali clienti. La scelta dei contenuti (testi, foto, video) all'interno di una strategia di comunicazione, viene solitamente riferita come "storytelling" (cioè, letteralmente, il racconto di una storia). 

In questo caso, volendo coinvolgere i propri dipendenti, questi non si limiteranno a condividere "freddamente" un post dalla pagina dell'hotel, ma saranno attivi nel generare del contenuto in modo autentico.

Allo stesso modo, la pagina istituzionale può includere nel suo storytelling dei post dedicati al prioprio staff (come si vede nell'immagine di Romantica Hotel, che ha anche un tag #romanticastaff dedicato all'argomento).  

Come pianificare una strategia di contenuti con lo staff

La strategia di "employee advocacy" deve essere pianificata in modo che i dipendenti sappiano cosa fare, secondo una linea di comunicazione concordata e condivisa.

La comunicazione deve essere naturale (non imposta o forzata) e adattata secondo lo stile di ognuno, in modo da "raccontare" il proprio hotel con una testimonianza autentica. 

Di seguito elenchiamo alcuni punti per iniziare:

  1. Inizia indentificando un gruppo di impiegati che condivideranno regolarmente dei contenuti.

  2. Considera, con gli impiegati coinvolti, dei benefici sia per la struttura e sia per loro stessi, che potranno valorizzare la loro immagine professionale, oltre che valorizzare il loro posto di lavoro. 

  3. Rendi facile la condivisione fornendo del contenuto rilevante, qualcosa che anche loro siano contenti di condividere sul loro profilo personale, e delle linee guida su come e cosa postare.

  4. Fornisci esempi di contenuto che i dipendenti possono produrre autonomamente (ad esempio lo chef che prepara dei piatti particolari, lo staff che prepara un allestimento per un evento, e simili).

  5. Fornisci motivazioni e incentivi allo staff che partecipa al programma.

In definitiva, coinvolgendo lo staff nella propria linea di comunicazione sui social networks, otteniamo un miglioramento sia della visibilità che delle interazioni (click, condivisione, mi piace) grazie al fatto che i contenuti sono considerati più autentici e coinvolgenti. 

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti