Pin It

Tra Legge di Bilancio 2023 e Decreto Aiuti Quater, sono state approvate una serie di misure di sostegno alle imprese, per far fronte al caro bollette che sta mettendo a dura prova il comparto produttivo ed economico del nostro Paese. Per fare chiarezza sui vari provvedimenti approvati dal governo, illustreremo schematicamente quali sono le agevolazioni disponibili e come si applicano al settore turistico-ricettivo.

Credito d'imposta bollette luce e gas

Oltre alla proroga fino al 31 dicembre 2022 del credito d'imposta per l'acquisto di energia elettrica e gas introdotta dal Decreto Aiuti Quater, un ulteriore prolungamento è stato stabilito anche dalla nuova Legge di Bilancio. Il credito d'imposta, infatti, potrà essere richiesto anche per il primo trimestre del 2023, con incremento di 5 punti percentuali: 45% per le imprese energivore e gasivore e del 35% per ristoranti, bar, hotel, strutture ricettive ed attività commerciali.

Ricordiamo che entro il 30 novembre 2022 le imprese dotate di contatore di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW possono richiedere ai propri venditori di energia il credito d'imposta per il terzo trimestre (luglio - agosto -settembre), nelle percentuali stabilite dal precedente Decreto Aiuti Ter.

Rateizzazione bollette luce e gas

Stando al testo del Decreto Aiuti Quater, una delle misure previste per favorire il pagamento delle bollette di luce e gas è la rateizzazione delle fatture (la dilazione può essere applicata solo alla componente energetica riportata in bolletta). Per i consumi effettuati dal 1° ottobre 2022 al 31 marzo 2023, e fatturati entro il prossimo 30 settembre, le imprese possono richiedere un piano di rientro composto da un minimo di 12 fino a un massimo di 36 rate mensili.

È bene precisare che le imprese che richiederanno la rateizzazione delle bollette, non potranno accedere ai crediti d'imposta previsti dal medesimo decreto legge, essendo le due misure alternative e quindi l'una esclude l'altra.

Per richiedere la dilazione, bisogna attendere il decreto del MIMIT (Ministero Imprese e Made in Italy) che verrà emanato entro 30 giorni dall'approvazione della misura e conterrà tutte le modalità da seguire per l'invio della richiesta. Con il mancato pagamento di due rate consecutive, il piano di rientro decade automaticamente e bisogna procedere al pagamento in un'unica soluzione.

Assicurazione Garantita

In caso di un eventuale mancato pagamento delle rate previste dal piano di rientro concordato, il SACE fornirà alle imprese una garanzia al 90% (come riportato nel testo definitivo del decreto). In pratica, nel momento in cui viene rilasciata la garanzia SACE a copertura dell'importo rateizzato, il fornitore di luce o gas deve comunicare entro i 30 giorni successivi una proposta di dilazione indicando le date di scadenza di ciascuna rata e il tasso di interesse eventualmente applicato.

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti