Pin It

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con il decreto del 29 luglio 2022, ha reso noto il modello da presentare per la dichiarazione IMU 2022, nonché le istruzioni e le specifiche tecniche da seguire per inoltrare la documentazione all'Agenzia delle Entrate. Vediamo, di seguito, quali sono le novità introdotte, le informazioni per la compilazione del nuovo modulo e le modalità di trasmissione.

Come sappiamo, con il Decreto Semplificazioni, il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione IMU è stato prorogato al 31 dicembre 2022, in attesa della pubblicazione del modulo definitivo da compilare e per dare ai soggetti interessati il giusto tempo per assolvere all'adempimento fiscale. La nuova scadenza, inoltre, è stata valutata anche per rendere più agevole l'accesso al software di controllo del file compilato, la cui versione verrà aggiornata e resa disponibile a partire dal prossimo 7 settembre.

Come compilare il nuovo modello per la dichiarazione IMU 2022

Stando alle istruzioni rese note dal Mef, una delle novità introdotte riguarda il campo di compilazione 21, dedicato agli aiuti Covid (per consultare la versione integrale del documento scarica qui le "Istruzioni per la compilazione della dichiarazione IMU"). In questa sezione, il contribuente dovrà indicare se ha usufruito di benefici fiscali derivanti dal Quadro temporaneo Aiuti di Stato che hanno interessato l’IMU durante il periodo dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Nello specifico, gli aiuti a cui il ministero fa riferimento sono quelli previsti dai decreti Rilancio (dl 34/2020), Agosto (dl 104/2020), Ristori (dl 137/2020) e Sostegni (dl 41/2021), e dalla Manovra 2021.

Termini e modalità di invio

Secondo il calendario fiscale ufficiale, la dichiarazione Imu/Impi deve essere presentata entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di riferimento e solo se si sono verificate variazioni rilevanti ai fini della determinazione della tassazione. Viste le novità introdotte circa il nuovo modello e le relative istruzioni da seguire per la compilazione, il termine ultimo per l'invio all'Agenzia delle Entrate della documentazione per l'anno 2021 è stato prorogato eccezionalmente al 31 dicembre 2022. La presentazione della dichiarazione può avvenire in modalità cartacea oppure seguendo l'apposita procedura telematica (scarica qui il nuovo modello per la dichiarazione IMU 2022).

I soggetti che intendono inviare il modello cartaceo, dovranno spedire la documentazione tramite raccomandata all'indirizzo dell'ufficio tributi del comune competente (riportando sulla busta la dicitura "Dichiarazione IMU/IMPi 20_ _") L'ente, a sua volta, dovrà rilasciare ed inviare al dichiarante una ricevuta che attesti l'avvenuta ricezione della documentazione. Ricordiamo, inoltre, che il modulo compilato potrà essere inoltrato all'ente anche tramite pec

Per chi, invece, preferisce seguire la procedura telematica, potrà avvalersi dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate Fisconline ed Entratel. Entrambi i servizi rilasceranno al dichiarante l'identificativo che attesta l'avvenuta ricezione del file. Successivamente, dopo i dovuti controlli, il sistema invierà un'ulteriore comunicazione con l'esito delle verifiche svolte e, in caso di compilazione corretta, la conferma dell'avvenuta presentazione della dichiarazione.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, nel testo del decreto, ha voluto precisare che le dichiarazioni relative al 2021 già presentate, mediante la compilazione del vecchio modulo, saranno ritenute valide solo se contengono gli stessi dati richiesti nel nuovo modello approvato lo scorso 29 luglio. 

 

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo