Pin It

Il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, ha firmato i decreti con cui vengono sbloccati 400 milioni di euro di contributi a fondo perduto da destinare al settore turistico-ricettivo. Le risorse, che fanno parte del fondo istituito per gli anni 2020-2021 dal Decreto Rilancio, saranno assegnate alle imprese maggiormente colpite dall'emergenza covid secondo specifici criteri di accesso.

Vediamo, di seguito, come verranno ripartiti i finanziamenti, i requisiti e le modalità di accesso ai finanziamenti, focalizzando l'attenzione sulle risorse messe a disposizione per alberghi e attività ricettive.

Nuovi finanziamenti turismo: beneficiari e ripartizione delle risorse

I 400 milioni di euro da destinare al settore turistico per gli anni 2020-2021 saranno così ripartiti:

  • 200 milioni di euro per le imprese turistico-ricettive;
  • circa 160 milioni di euro per le agenzie di viaggio e i tour operator (ai 128.710.774 per l'anno 2020 vanno aggiunti 32 milioni relativi al 2021);
  • alle guide turistiche sono previsti, invece, 25.760.000 per l'anno 2021 (consentendo di presentare istanza anche a chi non aveva partecipato al primo Avviso);
  • 7 milioni di euro per le imprese che svolgono attività turistiche mediante autobus scoperti (5 milioni per il 2020 e 2 milioni per il 2021);
  • 10 milioni di euro per le agenzie di animazione per feste e villaggi turistici.

Per la presentazione delle domande necessarie per l'assegnazione dei contributi, i beneficiari dovranno attendere la pubblicazione degli avvisi da parte della Direzione generale della programmazione e delle politiche del turismo (la pubblicazione avverrà entro i 30 giorni dalla data di registrazione del decreto, quindi entro i primi di settembre). Il pagamento dei contributi sarà gestita dall'Agenzia delle Entrate e avverrà con modalità automatica, tramite accredito sui relativi conti di pagamento indicati dai richiedenti (per approfondire, scarica il decreto del Ministero del Turismo).

Contributi a fondo perduto per alberghi e strutture ricettive

Come già anticipato nel paragrafo precedente, tra i beneficiari dei nuovi finanziamenti sono inclusi hotel e attività ricettive, per le quali il Ministero del Turismo ha messo a disposizione la gran parte delle risorse disponibili (200 milioni di euro). 

Le imprese che potranno accedere ai finanziamenti, sono identificate dai seguenti codici ATECO:

  • 55.10.00
  • 55.20.10
  • 55.20.20
  • 55.20.30
  • 55.20.40
  • 55.20.51
  • 55.20.52
  • 55.30.00
  • 55.90.20
  • 96.04.20

Per quanto riguarda il calcolo degli importi, il contributo sarà riconosciuto in misura forfettaria sulla base di specifici requisiti. Per le attività con fatturato inferiore a 10 milioni di euro, saranno erogati contributi che vanno da 1.000 a 100.000 euro a seconda dei ricavi e dei compensi 2019. Nel dettaglio:

  • 1.000 euro per i soggetti con ricavi e compensi nel 2019 non superiori a 100.000 euro;
  • 4.000 euro per i soggetti con ricavi o compensi nel 2019 superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;
  • 5.000 euro per i soggetti con ricavi o compensi nel 2019 superiori a 400.000 euro e fino a 1 milione di euro;
  • 10.000 euro per i soggetti con ricavi o compensi nel 2019 superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro;
  • 100.000 euro per i soggetti con ricavi o compensi nel 2019 superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro.

Per le attività con fatturato maggiore di 10 milioni di euro, il finanziamento spetterà nella misura fissa di 200.000 euro, a condizione che il fatturato medio mensile relativo all'anno 2020 abbia registrato un calo superiore al 30% rispetto al 2019.

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo