Pin It

Il governo ha apportato alcune modifiche al testo del Decreto Sostegno, che sarà approvato a stretto giro per consentire alle attività economiche di ricevere tempestivamente gli aiuti economici necessari. La prima versione della bozza resa nota nei giorni scorsi non è stata accolta positivamente, soprattutto da quelle categorie produttive che risultano essere maggiormente colpite dalla pandemia e dalle conseguenti restrizioni. 

Vediamo, di seguito, quali sono gli aiuti economici che verranno destinati alle imprese e ai lavoratori e le misure che potrebbero essere contenute nel testo definivo del Decreto Sostegno.

Contributi a fondo perduto: Calcolo e requisiti

Stando agli ultimi aggiornamenti, gli indennizzi riservati alle aziende saranno calcolati tenendo conto della differenza di fatturato tra il 2020 e il 2019. L'entità degli aiuti, quindi, sarà determinata su base annuale. L'introduzione di questa modifica, consente alle imprese di ricevere gli indennizzi parificando le variazioni registrate nei diversi mesi dell'anno 2020, considerando poi la media mensile per il calcolo del contributo a fondo perduto, secondo le percentuali stabilite dal decreto. 

Per il calcolo del contributo e i requisiti d'accesso vedi nel dettaglio: Contributi a Fondo Perduto 2021: modalità, importi e calcolo.

Nuova Pace Fiscale

Anche le misure di natura fiscale sono al centro degli studi del governo, soprattutto quelle riguardanti l'introduzione di una rottamazione quater per le cartelle affidate fra il 2000 e 2015. La bozza del Decreto Sostegno prevede un meccanismo di annullamento automatico dei debiti di importo residuo limitato che, secondo le indiscrezioni, dovrebbe corrispondere a 5 mila euro. Se la norma dovesse essere confermata verranno annullati automaticamente i debiti per capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi affidati dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015. 

L'annullamento, che scoccherà alla data del 30 aprile 2021, riguarderà anche le somme ricomprese nella rottamazione-ter e nel saldo e stralcio.

Cig e ammortizzatori sociali

Per quanto riguarda le misure a sostegno del mondo del lavoro, il governo è pronto a stanziare 10 miliardi di euro per la proroga della Cig Covid fino al 31 dicembre 2021. Mentre il blocco dei licenziamenti sarà prolungato fino al mese di giugno. 

Inoltre, per venire incontro alle esigenze dei lavoratori, in vista delle nuove chiusure delle scuole, il Decreto Sostegno finanzierà i congedi parentali per le famiglie con figli in DAD. Saranno rinnovati, infine, anche i voucher baby sitter e la possibilità di scegliere lo smart working per quelle famiglie che necessitano una maggiore flessibilità nell'organizzazione dei propri impegni familiari e lavorativi. 

Anche la proroga del Reddito di Emergenza per i mesi di gennaio e febbraio dovrebbe essere confermata all0interno dell'ultima versione del decreto, così come il rifinanziamento per 1 miliardo di euro del Reddito di Cittadinanza. 

Sostegno ai Comuni

Considerando le misure restrittive e le limitazione degli spostamenti, il governo ha annunciato un ristoro parziale di circa 250 milioni di euro da destinare ai Comuni italiani, che andrebbe a coprire le mancate entrate della tassa di soggiorno e del contributo di sbarco.

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo