Pin It

Dopo le nuove restrizioni contenute nel Decreto Novembre e la divisione dell'Italia in 3 zone diverse a seconda del livello di rischio, il Governo ha approvato un nuovo provvedimento che consentirà l'erogazione di nuovi aiuti economici per le attività commerciali duramente colpite dal nuovo lockdown.

Ristorazione e turismo rientrano sicuramente nelle categorie fortemente colpite dalle nuove misure, per questo sono state riconosciute nuove misure e contributi più corposi alle attività che appartengono a quelle zone per cui sono previste maggiori restrizioni (alberghi, ristorati, bar, locali, pizzerie, pasticcerie e gelaterie).

Oltre al rifinanziamento dei congedi parentali e di altre forme di sostegno per le famiglie, è stata confermata l'estensione dei contributi a fondo perduto previsto dal primo Decreto Ristori, in modo da includere alcune categorie tralasciate dall'elenco dei codici Ateco del precedente provvedimento, nonché l'erogazione di nuovi aiuti per le attività chiuse situate nella fascia rossa del Paese, dove al momento è stato dichiarato un semi-lockdown fino al 3 dicembre.

Vediamo di seguito le novità introdotte e quali sono le misure messe in campo per far fronte alla seconda ondata di contagi e alle conseguenze sull'economia del paese. 

Nuovi contributi a fondo perduto 

Come già anticipato, il Decreto Ristori bis contiene misure per circa 2 miliardi di euro e dà priorità alle attività economiche delle cosiddette zone rosse e arancioni, costrette a chiudere totalmente o parzialmente, attraverso un meccanismo flessibile e differenziato che si adatti a tutte le variabili e che si basi su una mappatura non statica ma soggetta all'evoluzione del contagio.

Sono stati estesi i beneficiari dei contributi a fondo perduto, aggiungendo le imprese interessate dalle nuove chiusure ma rimaste escluse dal primo decreto Ristori. Per le attività già inserite tra i destinatari del contributo e che registrano ulteriori restrizioni alla luce delle nuove misure restrittive nelle zone arancioni e rosse, il contributo è aumentato del 50%

È stato istituito, inoltre, un nuovo contributo a fondo perduto per quelle imprese che operano nelle zone rosse, caratterizzate da uno scenario di particolare gravità. L'importo del beneficio varierà in funzione del settore di attività dell'esercizio.

I nuovi indennizzi saranno erogati con lo stesso meccanismo previsto dal Decreto Ristori, in modo da assicurare un'esecuzione rapida ed immediata. Sarà, infatti, l'Agenzia delle Entrate a gestire i contributi a fondo perduto e a fare arrivare in automatico le cifre sui conti correnti dei beneficiari. 

Bonus Affitti

Le attività che hanno diritto di accedere ai suddetti contributi a fondo perduto, hanno la possibilità di godere anche del nuovo bonus affitti. Quindi, le imprese che operano nelle zone rosse, hanno diritto ad un credito d'imposta cedibile al proprietario dell'immobile locato. Il credito è pari al 60% dell'affitto e il periodo di riferimento è quello compreso tra ottobre e dicembre (per un totale di 3 mensilità).

Sospensione dei versamenti e cancellazione saldo Imu

Per le attività sospese in tutto il territorio nazionale dal nuovo Dpcm del 3 novembre e quelle che invece sono chiuse nelle zone rosse, è prevista la sospensione delle ritenute alla fonte e dei pagamenti IVA per il mese di novembre. La nuova scadenza fissata per i versamenti è il 16 marzo 2021.

Invece, per quanto riguarda la cancellazione della seconda rata Imu, l'esonero dell'imposta è prevista solo per le attività che operano nelle regioni dichiarate zona rossa.

Sospensione contributi INPS

Per quanto riguarda i contributi INPS, è prevista la sospensione dei versamenti per tutte le attività indicate dal Decreto Ristori. I periodi di riferimento variano in base alla gravità della situazione nel territorio di riferimento. Nello specifico, per le attività che operano nelle regioni dichiarate gialle è prevista la sospensione dei contributi INPS per il mese di novembre. Per le attività delle zone arancioni e rosse, invece, la sospensione è estesa anche al mese di dicembre.

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo