Pin It

Con la conversione in legge del Decreto Agosto, sono stati ufficializzati i codici ATECO dei beneficiari del contributo a fondo perduto rivolto al settore della ristorazione. È stata introdotta, inoltre, un'importante novità che consente anche agli alberghi di accedere all'agevolazione

Aggiornamento sul bonus filiera e domanda tramite piattaforma della ristorazione: vedi l'articolo "Bonus Ristoranti e Hotel: contributo a fondo perduto (fino a 10.000 euro)".

Nei prossimi paragrafi, facciamo il punto della situazione illustrando nel dettaglio gli ultimi aggiornamenti sui beneficiari previsti dal decreto legge e fornendo utili chiarimenti in merito.

I beneficiari del Bonus Filiera Ristorazione

Il contributo a fondo perduto riservato alla ristorazione ha come scopo quello di incentivare l'acquisto di prodotti che appartengono alla filiera agricola e alimentare del territorio (per sapere di più, leggi anche "Contributi a Fondo Perduto per Ristoranti: un errore nel DL Agosto e le modalità di erogazione"). In questo modo, il Governo non solo viene incontro alle spese dei ristoratori, ma garantisce un importante aiuto anche al settore agricolo-alimentare italiano.

Con la pubblicazione del testo di legge, sono stati ufficializzati i requisiti che consentono l'accesso al bonus ed è stata formalizzata la lista definitiva dei beneficiari. Come si può notare, l'elenco è stato aggiornato includendo anche altre tipologie di attività. 

Inizialmente, infatti, il contributo era rivolto alle imprese che avevano i seguenti codici ATECO:

  • 56.10.11 (ristorazione con somministrazione);
  • 56.29.10 (mense);
  • 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale).

A queste, sono state aggiunte anche altre attività, sempre collegate al settore della ristorazione. Nello specifico, i codici ATECO a cui è stato esteso il bonus sono:

  • 55.10.00 - alberghi (limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo);
  • 56.10.12 - attività di ristorazione connesse alle aziende agricole;
  • 56.21.00 - catering per eventi, banqueting.

I requisiti richiesti per l'accesso al bonus

Per beneficiare del contributo a fondo perduto, i requisiti sono rimasti invariati. L'agevolazione, dunque, può essere richiesta dalle imprese che risultano già attive alla data in vigore del decreto legge (15 agosto 2020). L'accesso è garantito alle attività che, nei mesi da marzo a giugno 2020, hanno registrato un calo di fatturato pari ai tre quarti dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi registrati nei mesi da marzo a giugno 2019. Va specificato, inoltre, che questi limiti di fatturato non valgono per le imprese che hanno avviato la propria attività a decorrere del 1° gennaio 2019.

Il bonus andrà a coprire esclusivamentecosti sostenuti per l'acquisto di prodotti provenienti da filiere agro-alimentari italiane, (inclusi quelli vitivinicoli, DOP e IGP). Il contributo sarà, quindi, erogato secondo le seguenti modalità:

  • per il 90% del costo sostenuto al momento dell'accettazione della domanda, presentando i documenti fiscali che comprovano la spesa;
  • per il restante 10% al momento della presentazione della fattura di pagamento (che dovrà risultare da strumenti tracciabili).

L'importo minimo riconosciuto sarà di 2.500 euro per ogni beneficiario.

"Piattaforma della Ristorazione" e invio delle domande

Per quanto riguarda le tempistiche e le modalità previste per la presentazione delle domande, bisogna attendere il decreto attuativo che verrà emanato nei prossimi giorni dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Sicuramente le richieste dovranno essere inoltrate online utilizzando la "Piattaforma della Ristorazione", un strumento realizzato ad hoc per consentire e facilitare l'invio della documentazione necessaria. 

Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo