Pin It

Attraverso una circolare divulgata il 6 giugno, l'Agenzia delle Entrate ha fatto chiarezza su alcuni punti chiave del Bonus Affitto. Questa agevolazione fiscale, introdotta dal Governo nei decreti emanati per il rilancio dell'economia del Paese, si rivolge a tutte quelle aziende che, durante l'emergenza sanitaria causata dal Covid-19, sono state costrette a sospendere le proprie attività. Vediamo nel dettaglio chi può richiedere il Bonus Affitto, quali sono i requisiti necessari e come utilizzarlo. 

Il Bonus Affitto consente alle aziende ed ai professionisti di "convertire" in credito di imposta una parte del canone di locazione pagato nei mesi di lockdown (marzo, aprile e maggio). L'agevolazione viene concessa in misure diverse a seconda dei casi:

  • credito d'imposta del 60% nel caso di canoni di locazione per immobili a uso non abitativo;
  • credito d'imposta del 30% nel caso di contratto d'affitto d'azienda.

Per usufruire del bonus, i canoni di locazione devono essere stati effettivamente pagati. In caso contrario, il credito risulterà sospeso fino a quando verranno saldate le cifre dovute al proprietario dell'immobile o al titolare dell'attività.

Chi può richiedere il Bonus Affitto

Stando alle direttive rese note dall'Agenzia delle Entrate, possono accedere al bonus le attività d'impresa con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni fatti registrare nel corso del 2019.

Per le attività alberghiere, agriturismi e altre tipologie di attività ricettive, l'agevolazione può essere richiesta a prescindere dai ricavi o compensi registrati nell'anno d'imposta precedente.

Le aziende che voglio avere accesso al credito, devono dimostrare che i ricavi cella propria attività hanno subito un calo del 50% nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020. Questo, dunque, è il requisito necessario per ottenere il bonus. Ma va chiarito un aspetto molto importante. Il credito viene riconosciuto su base mensile, per questo la verifica del calo dei ricavi va effettuata per ogni singolo mese e non sulla somma dei ricavi relativa al trimestre di riferimento. 

Come utilizzare il Bonus Affitto

L'agevolazione è già operativa e, quindi, può essere utilizzata immediatamente dalle aziende beneficiarie. I possibili utilizzi sono due:

  • il credito d'imposta riconosciuto può essere "speso" a compensazione in fase di dichiarazione dei redditi (inserendo nel modello F24 i codici tributo 6914 o 6920, a seconda dei casi);
  • il credito d'imposta può essere ceduto al locatore o al concedente oppure ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successiva cessione del credito.
Pin It

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti

Abilita il javascript per inviare questo modulo