La tanto attesa norma sulla parity rate, inclusa all'art.50 del ddl Concorrenza, ferma al Senato da mesi, sta finalmente per ripartire. Intanto gli albergatori, in attesa di una legge definitiva, si difendono comunicando sui social network un messaggio chiaro, rivolto agli utenti online: "prenotare direttamente in hotel conviene!".

La cosiddetta "norma anti-Booking" (che andrebbe a limitare l'enorme potere contrattuale delle grandi OTA), è una delle più attese, e renderebbe nulla qualsiasi clausola che impone al gestore il divieto di praticare prezzi inferiori rispetto a quelli comunicati al portale. Martedì 7 Marzo, dopo oltre 7 messi di stop, riparte l'iter del "ddl Concorrenza" al Senato, su cui il governo potrebbe chiedere la fiducia.

Prenotare direttamente conviene!

Il video di Federalberghi sta ritornando virale, grazie a tanti albergatori e professionisti che lavorano nelle strutture ricettive Italiane, e cercano di contrapporsi alla tendenza di predominio delle grandi OTA:

La campagna "Fatti furbo!" - condividi subito questo video:

 

Come difendersi dalle politiche aggressive delle OTA?

Campagna Federalberghi contro OTACome tutti sanno, le prenotazioni dirette sono le più redditizie (poichè senza commissione) ed hanno un tasso di cancellazione nettamente più basso.

Allora, al di là delle attese novità normative sulla parity rate, l'unica difesa al momento è diminuire l'indipendenza dalle OTA, persuadendo i potenziali clienti a prenotare direttamente:

  1. Comunicare in modo esplicito l'invito a prenotare in hotel
  2. Investire sul proprio sito web
  3. Investire sui canali che portano prenotazioni dirette (motori di ricerca, social networks, ecc...)

Per approfondire la tematica dell'utilizzo del canale diretto per disintermediare, vedi: "Albergatori: basta con le lamentele su Booking!"

Investire sul Sito Web e canali diretti

Dicitura miglior tariffa garantita sul sito web dell'hotelMolte volte, i navigatori iniziano la ricerca da un portale come Booking, Expedia, TripAdvisor e quando vedono una struttura che risponde alle proprie esigenze, visitano anche il sito web per avere una visione più completa di dove andranno a soggiornare. Tuttavia molti ritornano poi sul portale da cui sono arrivati per concludere la prenotazione.

E' proprio qui (sul sito web) che dobbiamo concentrare i nostri sforzi, e convincere il cliente che è più conveniente prenotare direttamente, dal modulo di richiesta online o telefonicamente. In questo caso, le OTA e i portali di ricerca porteranno più effetti positivi che negativi.

Ovviamente, però, il modo migliore di disintermediare è potenziare quei canali che portano traffico al proprio sito web: i motori di ricerca, i social networks, la produzione di contenuti coinvolgenti per i nostri potenziali ospiti, l'utilizzo di newsletter e campagne ads per diffondere contenuti e offerte da prenotare direttamente sul sito.

Cosa fare?

Per approfondire vari aspetti di web marketing e di strategia con le OTA, vedi:

 

 

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti