La legge di bilancio per il 2017 ha prorogato per altri due anni il regime di incentivazione previsto per la riqualificazione delle strutture alberghiere, il cosiddetto “Bonus Hotel”. L'opportunità per gli imprenditori è di ottenere un credito di imposta fino al 65% per gli investimenti sostenuti, o da sostenere, nel periodo 2017/2018.

Si è tuttavia ancora in attesa della pubblicazione del decreto ministeriale con in quale verranno fissati i criteri attuativi e le modalità di prenotazione delle risorse. In attesa dell'uscita del decreto, previsto entro fine ottobre, facciamo il punto sull'agevolazione e sulle novità previste.

Chi sono i beneficiari

Tutte le imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012, e, per la prima volta, anche gli agriturismi

Cosa finanzia

Saranno finanziate le spese per la riqualificazione delle strutture, quali:

  • la ristrutturazione edilizia;

  • la riqualificazione antisismica;

  • l'incremento dell'efficienza energetica;

  • l'acquisto di mobili e arredi.

Vedi approfondimento: Bonus Fiscale Hotel e Agriturismi 2017-2018: tutte le spese ammissibili

Qual è il contributo

È previsto un credito di imposta fino al 65% dei costi ammessi per un importo massimo di 200 mila euro. Attenzione: il Bonus Hotel è alternativo agli incentivi di natura fiscale, quali le detrazioni per la riqualificazione energetica, ma è cumulabile con il super ammortamento. 

Come si usufruisce del credito di imposta

Le imprese turistiche che hanno effettuato od effettueranno investimenti nel 2017 dovranno inviare domanda indicativamente nel mese di gennaio/febbraio del 2018. Il credito d'imposta dovrà essere ripartito in due quote annuali di pari importo e potrà essere utilizzato a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati, nel limite massimo di 60 milioni di euro nell'anno 2018, di 120 milioni di euro nell'anno 2019 e di 60 milioni di euro nell'anno 2020.

Per gli investimenti digitali c'è il voucher 

Da quest'anno segnaliamo inoltre che non è più attivo il tax credit per la digitalizzazione delle strutture ricettive, ma è comunque possibile usufruire di incentivi per tali investimenti. È infatti operativo il bando “Voucher digitale” che consente alle imprese di ottenere un contributo fino a 10 mila euro per le spese relative all'ammodernamento tecnologico.

È ad esempio possibile finanziare l'acquisto di software, hardware e servizi di consulenza specialistica; le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum per la connettività a banda larga e ultralarga, l'acquisto e l'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare, la partecipazione a corsi e i servizi di formazione qualificata.

Il bando, che è in corso di pubblicazione, opererà su tutto il territorio nazionale con una dotazione complessiva pari a 100 milioni di euro. È comunque importante muoversi tempo perché le risorse verranno assegnate a sportello. Vi terremo informati sulle prossime novità.

A cura di GFINANCE - Consulenti di Finanza Agevolata

Come richiedere consulenza su Agevolazioni Fiscali e Finanziamenti Agevolati per la tua struttura

Grazie alla partnership tra InfoHOTEL e GFINANCE puoi richiedere gratuitamente assistenza o consulenza personalizzata per il tuo hotel, agriturismo o altra tipologia di struttura turistica.

Vai al sito GFINANCE
design alberghi, ristoranti, strutture ricettive

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti