Raccogliamo alcuni esempi e consigli su come usare i video per i propri obiettivi di marketing, in modo da attirare clienti in hotel o altra tipologia di struttura ricettiva, e soprattutto cerchiamo di fare il punto sul perchè questa strategia funziona.

Perchè creare un video per hotel e strutture ricettive?

Perchè un hotel, o in generale una struttura ricettiva, dovrebbe produrre un video e quali sono i reali vantaggi? Iniziamo dicendo che l'obiettivo è attirare clienti nella propria struttura, e ai giorni nostri il marketing turistico attraverso i video sta vivendo un momento d'oro a causa di diversi fattori favorevoli.

Infatti sappiamo (fonte Google.com), già dal 2015, abbiamo superato i 100 milioni di viaggiatori al mese che guardano video su YouTube, e la cosa più interessante è che circa 3 su 5 usano i video per determinare le loro scelte di viaggio. In oltre due anni questi dati sono lievitati grazie all'utilizzo degli smartphones, e dell'aumento delle visualizzazioni dei video a tema turistico grazie ai social networks. Questo vale per tutte le località turistiche, maggiori e minori, ed è un'informazione che tutti i gestori di hotel e attività ricettive dovrebbero mettere a frutto.

La strategia consiste quindi nel produrre dei video (vedremo nel seguito i punti più importanti che ne determinano l'efficacia) che sia in linea con gli obiettivi di marketing dell'hotel. Stesso discorso è applicabile a tutte le categorie di strutture ricettive: b&b, residence, centri benessere e spa, agriturismi o attività varie che sono rivolte principalmente ad un target di viaggiatori.

Esempio 1. Realizzazione video per hotel con drone (Floriana Resort, riprese a cura di HeliVR). Il video è improntato sulle immagini e la bellezza dei luoghi circostanti e degli spazi esterni, e bilancia le riprese dall'alto con quelle negli ambienti interni. L'intento è far immedesimare lo spettatore e stimolare il "desiderio di vacanza" esaltando la location e i servizi. Sicuramente l'elemento delle riprese aeree risulta una scelta davvero azzeccata per un hotel con queste caratteristiche. 

Come usare YouTube per il marketing turistico

Aprire un canale YouTube e caricare un video è ormai un'operazione molto semplice e a portata di tutti. I video caricati su YouTube potranno poi essere diffusi attraverso gli altri mezzi a disposizione: in primis Facebook e gli altri social networks, ma anche portali turistici, OTA, Google, e ovviamente il proprio sito web.

Vediamo quali sono, dal punto di vista pratico, gli aspetti più importanti da considerare quando vogliamo realizzare un video per hotel, riassunti di seguito in 5 punti.

#1 Decidere quale tipo di video produrre

Ci sono varie tipologie di video adatte al nostro target, come ad esempio delle video-guide per viaggiatori (ad esempio "15 luoghi da non perdere in Salento") oppure un video in cui il soggetto principale è la propria struttura, o anche un mistoQuello che deve essere costante è la capacità di influenzare il viaggiatore (potenziale ospite del nostro albergo) che non ha ancora deciso la propria meta turistica, la tipologia di vacanza o la struttura in cui soggiornare (come dimostra lo studio che abbiamo citato in precedenza).

Possiamo progettare delle serie di video (di breve durata e poco costosi) oppure realizzare un unico video di alta qualità, con l'ausilio di un drone o di professionisti e videomaker qualificati. In ogni caso, per decidere la tipologia e i contenuti, gli aspetti più importanti da considerare sono i seguenti:

  1. L'aspetto delle emozioni: la persona che guarda il video deve sentirsi trasportare dalle immagini, desiderare di essere parte di ciò che vede. Attraverso le immagini potrà godere del paesaggio, delle attrazioni all'interno e all'esterno della struttura, del cibo, delle esperienze sensoriali, e in generale del lato emotivo, che in una vacanza gioca il ruolo principale.
  2. Unicità: cosa c'è di unico e "impossibile da trovare altrove"? cosa può incuriosire o far immedesimare il viaggiatore che è in fase di decidere/pianificare la propria vacanza? Ovviamente questi aspetti variano per ogni struttura e località turistica, e sono proprio quelli su cui fare leva per attirare potenziali clienti.
  3. Originalità: questo fattore dipende dalla modalità comunicativa e dallo stile che scegliamo. Il premio è la maggiore diffusione, fino alla creazione di video virali che vengono diffusi in modo spontaneo sulla rete. Ad esempio possiamo usare un drone per fare delle riprese ad effetto, oppure raccontare delle curiosità, usare degli aspetti "folcloristici" o "particolari" per creare qualcosa che la gente abbia voglia di vedere e condividere (vedi gli esempi nel seguito dell'articolo). 
  4. L'obiettivo di marketing: non dimentichiamoci che l'obiettivo è rendere più facile il contatto diretto (e la prenotazione diretta...). Una maggiore diffusione dei nostri contenuti video porterà sicuramente ad un aumento di visibilità della nostra struttura sul pubblico di viaggiatori e potenziali clienti. Di conseguenza, uno degli elementi che non potrà mancare è la cosiddetta "chiamata all'azione", e cioè un'invito diretto e immediato a prenotare o richiedere informazioni.

Esempio 2. Il video realizzato per questo hotel e spa gioca tutto sull'aspetto emozionale, cercando di intepretare i desideri del potenziale ospite, e raggiungendo un target di turisti che cercano relax e un ambientazione ricercata, dove rigenerarsi e trovare la calma e l'energia necessaria per affrontare la vita quotidiana. Il concetto di viaggio si mescola con la cura del corpo e dello spirito, così come "sognato" da chi guarda con attenzione le splendide immagini (Banyan Tree Hotels & Resorts).

Quello che ci proponiamo è di far rientrare queste strategie in un più ampio piano di marketing per il proprio hotel o attività turistica. Di conseguenza, una volta definiti il tipo di video e gli obiettivi che si intendono raggiungere, possiamo pensare ai contenuti e a come collegarli facilmente alla possibilità di prenotare direttamente in struttura.

#2 Definire i contenuti

In base ad un'attenta analisi del proprio target e ai loro "desideri", i viaggiatori dovranno immedesimarsi nella "situazione" che stanno vedendo, immaginando di essere immersi in ciò che scorre nel video.

Per rendere un video coinvolgente è importante quindi chiedersi quali sono i reali desideri del viaggiatori (ad esempio: relax, sfuggire dallo stress o dalla routine quotidiana, fare esperienze o attività ricreative, vivere l'ambiente, ecc...) e quali sono i punti di forza della location (la città e le sue attrazioni) e della nostra struttura ricettiva.

Esempio 3. Anche in questo video si cerca di far immedesimare lo spettatore nelle location proposte, esaltandone i colori, l'azzurro del mare e il verde della vegetazione, e cercando di comunicare la capacità della struttura di "coccolare" gli ospiti e venire incontro ai loro desideri.

#3 Ottimizzare i video per YouTube e Google

L'ottimizzazione dei video di YouTube ci consente di apparire tra le prime posizioni quando gli utenti interessati a viaggi e vacanze cercano su YouTube o Google (con quest'ultimo che spesso inserisce dei video nei risultati di ricerca, oltre ai link tradizionali).

Gli utenti usano sempre più Google per apprendere informazioni su destinazioni diverse, esplorare punti d'interesse, avere un'idea sui prezzi per un soggiorno settimanale, e prendono decisioni soprattutto sulla base di contenuti visivi (foto e video). Se inseriamo le giuste parole chiave negli elementi descrittivi del nostro video, sarà molto più facile e frequente essere trovati dai viaggiatori in target.

Di seguito riportiamo dei consigli per apparire nelle prime posizioni quando gli utenti cercano qualcosa di attinente alla nostra offerta turistica:

  1. Fai una ricerca delle parole chiave che sono più spesso usate dai tuoi potenziali clienti (esempi di parole chiave sono: "vacanze in Salento", "cosa fare a Capri", "hotel sul mare Tropea", "cosa vedere a Venezia", ecc...) digitate dai viaggiatori su YouTube e Google. I viaggiatori cercano solitamente informazioni sulla località turistica, cosa fare o vedere, quale struttura scegliere, informazioni su eventi e sagre, cosa esplorare, le attrazioni maggiori, ecc... Per approfondire la ricerca parole chiave e il posizionamento su Google e altri motori di ricerca, vedi l'articolo "Come Posizionarsi su Google e Aumentare Prenotazioni Dirette".
  2. Carica il video su YouTube, rinominando il file in modo che contenga la parola chiave principale (ad esempio "vacanze-in-salento-hotel-cinque-stelle.mp4")
  3. Inserisci le parole chiave nel titolo e nella descrizione del video (ad esempio "Vacanze in Salento: le spiagge più belle della Puglia")
  4. Incorpora il video nel tuo sito web, e aggiungi il link del sito nella descrizione del video (può essere il link alla home page dell'hotel oppure alla pagina di prenotazione online)

Esempio 4. In questo video troviamo un mix di elementi: la vacanza come "esperienza", che consente di vivere il territorio e praticare diverse attività, e l'accoglienza, che cerca appunto di esaltare gli elementi più desiderabili di una vacanza tra natura e comfort (Hotel Stella Maris, Villasimius). Il video ha superato abbondantemente le 25.000 visualizzazioni su YouTube. Da notare il titolo ottimizzato, che contiene la parola chiave "hotel 4 stelle Villasimius", che può essere una delle ricerche più frequenti effettuate da un loro potenziale cliente.

 #4 Diffondere i video su Facebook e altri canali

Oltre a YouTube (e Google che indicizza tutti i suoi video), ci sono altri canali su cui si può collegare un video che sia efficace per gli obiettivi di marketing alberghiero. La propria pagina Facebook è un ottimo veicolo, e i video sono un ottimo contenuto da condividere per aumentare la popolarità della propria pagina. Tuttavia, se vogliamo che il nostro video venga visualizzato migliaia e migliaia di volte dobbiamo diffonderlo il più possibile attraverso le condivisioni.

Se il nostro video è coinvolgente e interessante (ad esempio è incentrato sulle bellezze naturalistiche della nostra zona) saranno gli utenti stessi a condividerlo spontaneamente su profili personali, pagine e gruppi. E per noi sarà più facile individuare dei canali da cui aumentare il numero di visualizzazioni e di viaggiatori raggiunti. 

Di seguito, alcuni consigli su come aumentare la diffusione di un video a tema turistico su Facebook:

  • Gruppi a tema viaggi: ci sono moltissimi gruppi di viaggiatori (o a tema "viaggi e vacanze"), ognuno con migliaia (o decine di migliaia) di iscritti, che permettono di postare dei video e massimizzarne la diffusione.
  • Gruppi locali: ormai ogni località (piccola o grande) ha più gruppi ad essa dedicati, anche questi composti da migliaia di iscritti, facenti parte di comunità locali, che possono contribuire a diffondere dei video a tema turistico, specialmente quando viene esaltata la località di riferimento. 
  • Pagine e profili di partners, collaboratori, agenzie, associazioni locali, attività e aziende collegate.

Oltre a Facebook e altri social networks (tra cui YouTube stesso), il nostro video può essere collegato a tutti i portali turistici e OTA su cui è presente la nostra struttura, e contribuire all'immagine che gli utenti di quei portali percepiscono, prima di decidere se prenotare o meno.

Esempio 5. NoMad Hotel realizza un video che consiste in una "passeggiata" tra i diversi ambienti, idea semplice e geniale per far capire cosa troveremo all'interno. L'originalità di questo video è l'elemento chiave che ha contribuito alla sua diffusione, specialmente sui social networks. 

#5 La chiamata all'azione

Se vogliamo che una percentuale di visualizzazioni si trasformi in prenotazioni, dobbiamo stabilire un "percorso" facile e immediato che conduca al contatto diretto, e allo stesso tempo ben visibile: la cosiddetta "chiamata all'azione" (dall'inglese "call-to-action").

Rispetto alla tipologia del video, la chiamata all'azione può essere varia (dal "vedi le offerte lastminute" a "prenota ora alla miglior tariffa", e simili) e viene solitamente inserita alla fine del video.

Come abbiamo già detto, possiamo scegliere se incentrare il video sulla nostra struttura (scegliendo principalmente le nostre migliori location interne ed esterne per effettuare le riprese) o se concentrarci su una video-guida per turisti, con il focus sulle bellezze del luogo. Anche la nostra storia e le nostre unicità (lo staff, le attività, i servizi e le ambientazioni proposte) possono essere comunicate sfruttando l'aspetto "emotivo" e coinvolgente, e possono essere parte dei contenuti inclusi nel video. Tuttavia, qualsiasi sia il contenuto e la tipologia che abbiamo deciso, la chiamata all'azione è l'elemento che congiunge l'aspetto della produzione/diffusione con gli obiettivi di marketing. 

Esempi di video realizzati per hotel e strutture ricettive

Prima di concludere questo articolo, vogliamo soffermarci su altri esempi di strutture ricettive italiane ed estere, che possono servire da ispirazione per la realizzazione di un video con finalità promozionali.

Esempio 6. Video promozionale del Vadema Resort, Santorini (Grecia). Le immagini esaltano la tipica ambientazione, trovandosi su di un isola greca, per i cultori del genere. 

Esempio 7. Il video-spot realizzato per il Park Hotel Vitzanu (Svizzera). Musica e voce narrante, per esaltare le attività disponibili e le ambientazioni lussuose e ricercate dell'hotel. Tra le tecniche usate, il "time-lapse" per le riprese sul paesaggio, che rende ancora più emozionante la location in cui è immerso l'hotel. 

Il video-marketing nel settore turistico

Tutti gli esempi mostrati hanno in comune il lato "emozionale" e l'interpretazione dei desideri di chi guarda il video. Dagli studi più autorevoli in tema di video marketing per hotel, sappiamo che i video sono capaci di influenzare le decisioni di viaggio, specialmente quando ben collegati ai canali online che consentono il contatto diretto (e quindi la prenotazione senza intermediari). In particolare, le statistiche rivelano una proporzione sempre crescente di viaggiatori che cercano e apprendono informazioni su diverse località, sul tipo di vacanza, attività e servizi connessi, prima ancora di scegliere una struttura in cui soggiornare.

Notoriamente i contenuti video riescono ad influenzare molto più dei soli testi e delle immagini, riuscendo a trasportare lo spettatore all'interno di una situazione (di vacanza), e moltiplicando il loro potere persuasivo.

Dall'altra parte, sono molteplici gli strumenti per aumentare la diffusione dei video e la visibilità della nostra offerta turistica: prima di tutto YouTube, che è la piattaforma video per eccellenza, e poi tutti i canali online che sono utilizzati in modo massiccio dai viaggiatori di ogni età. Tra questi Google e Facebook possono giocare un ruolo decisivo, non solo per la diffusione dei contenuti relativi alla nostra struttura ricettiva, ma soprattutto come strumento di marketing che possa aiutare gli operatori turistici a realizzare i propri obiettivi.

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti