Google è ancora uno dei canali più redditizi per hotel, b&b e agriturismi, tuttavia vi è ancora poca diffusione delle tecniche di posizionamento naturale, che consentono tra l'altro di acquisire prenotazioni dirette e bypassare gli intermediari.

Introduzione: SEO per Hotel e B&B

In generale, ci sono due possibilità distinte per acquisire visibilità su Google:

  1. Il posizionamento naturale (detto anche SEO): che consiste nel creare dei contenuti ottimizzati (vedremo in seguito come) sul proprio sito web in modo che Google li proponga spontaneamente a chi cerca un certo tipo di offerta turistica.
  2. L'acquisto di annunci sponsorizzati con le campagne Google Adwords.

Molte strutture ricettive rinunciano ad investire su Google poichè pensano di dover spendere budget esorbitanti, oppure reputano impossibile tenere testa alla concorrenza spietata dei portali turistici e delle altre strutture ricettive.

In parte questo è vero, soprattutto per i portali turistici e le OTA come Booking.com, Trivago e Expedia, che fanno uso sia del posizionamento naturale che degli annunci sponsorizzati.

Tuttavia, a seconda dei casi, è solo un problema di come usiamo tali tecniche e soprattutto quanta autonomia possiede il gestore o il manager della struttura nella creazione di contenuti per il motore di ricerca.

Vantaggi del posizionamento naturale

I questo articolo ci concentreremo sul posizionamento naturale su Google per hotel e strutture turistiche, considerati i seguenti vantaggi:

  • Non ci sono costi diretti: a differenza delle campagne Adwords (sponsorizzate), il posizionamento naturale non ha costi diretti: cioè non dobbiamo pagare Google per la visibilità, ma sarà l'algoritmo di Google a "premiare" una pagina del nostro sito, se questa è particolarmente pertinente a ciò che cerca l'utente.
  • Permette un grado maggiore di autonomia: infatti si potrà lasciare l'ottimizzazione generale del sito al tecnico/agenzia che lo realizza, mentre possiamo realizzare internamente molti dei contenuti specifici che, come vedremo, sono in grado di portare prenotazioni dirette ad alberghi e bed & breakfast.
  • E' una strategia molto efficace a lungo termine: mentre le campagne Adwords sono efficaci fintantoché paghiamo il corrispettivo (in base al numero di click e in base alla frase cercata dall'utente), una campagna SEO si rafforza nel tempo poichè i contenuti che pubblichiamo restano sul nostro sito web, così come i "link" e le citazioni al di fuori del nostro sito che vengono accumulati nel tempo, e che sono i fattori che determinano maggiormente la visibilità su Google.  

Cosa occorre?

Come abbiamo detto, una parte dell'ottimizzazione (quella più tecnica) è bene che sia lasciata al professionista che realizza il sito web dell'hotel, tuttavia ci sono alcuni aspetti che influiscono in modo decisivo e possono essere curati in autonomia (da chi gestisce o lavora all'interno della struttura), con dei vantaggi talvolta inaspettati. Vediamo quali sono questi "compiti" che è bene fare in modo autonomo:

I. Aumentare i link al proprio sito, specialmente da parte di attività locali

link building per hotel e strutture ricettiveSi tratta di chiedere a chi gestisce attività nella nostra stessa città o comprensorio geografico, di inserire un link (cioè un collegamento diretto dal loro al nostro sito web).

Ad esempio, un hotel sul mare potrebbe chiedere un link ad un'attività di noleggio barche della stessa città (con il quale potrebbe stringere una convenzione). In cambio potremmo barattare della visibilità, consigliando quel posto o attività sul nostro blog o sulla nostra pagina Facebook, oppure alla reception con volantini e brochure. Meglio ancora se ci sono delle partnership o convenzioni con eventi e altre attrazioni turistiche del territorio.

I link da altri siti web sono uno dei fattori di posizionamento più importanti per l'algoritmo di Google, a patto che provengano da fonti considerate "di qualità" o "a tema" con l'attività turistica o con il luogo in cui questa è ubicata. Ad esempio:

  • siti web di attività locali e attrazioni turistiche
  • associazioni culturali ed eventi
  • siti istituzionali (in molte località turistiche il Comune ed altri enti pubblicano un elenco di attività ricettive)
  • link da blog e portali a tema vacanze
  • siti di informazione locale

II. Scrivere dei contenuti ottimizzati per ricerche specifiche: 

contenuti SEO per hotel e b&bPer fare questo occorre che il sito web possa essere aggiornato dal gestore. Molti albergatori hanno un blog, una sezione offerte, e sono in grado autonomamente di aggiungere nuove pagine al proprio sito, in modo dinamico.

In questo modo, i testi e gli altri contenuti possono essere ottimizzati per parole chiave specifiche, come ad esempio "hotel sul mare a...", "offerte b&b luglio a...", "agriturismo con piscina a..." e tantissime altre frasi che vengono cercate da potenziali clienti che cercano un soggiorno in una determinata località.

Esempi: SEO per Hotel e strutture ricettive

Negli esempi seguenti prendiamo in esame una tipica masseria pugliese di fascia medio-alta, e cerchiamo di puntare ad un target appropriato per la struttura e le sue caratteristiche principali. Tra le caratteristiche di questa masseria, abbiamo un'ambientazione particolare con la piscina e gli ulivi secolari, e il fatto che propone offerte in periodi diversi dell'anno (come ad esempio Pasqua, ponti, weekend, ecc...). Inoltre, la zona (Fasano e valle d'Itria) è visitata da molti turisti internazionali, e di questo bisogna tenerne conto.

Posizionamento geografico

La prima cosa che un utente cerca è la tipologia di struttura (hotel, b&b, villaggio, residence, agriturismo, masseria, resort, ecc...) seguita dal nome della località. L'obiettivo è apparire sulla mappa di Google, per ricerche attinenti alla nostra struttura ricettiva. In questo esempio cerchiamo "masseria Fasano Puglia" su Google e otteniamo i risultati seguenti:

Posizionamento Geografico per Hotel, B&B e agriturismi: SEO e Geotargeting per alberghi

Questo risultato non è scontato, e dipende da moltissimi fattori (tra cui i link esterni e testi ottimizzati, come abbiamo già accennato) ed è solitamente il frutto del lavoro di un professionista e della collaborazione dell'albergatore o del suo staff.

Se però diventa troppo difficile o costoso posizionarsi su questo tipo di ricerca generica, possiamo puntare altre parole chiave meno competitive ma più specifiche, come nell'esempio seguente.

Posizionamento su caratteristiche distintive

Le ricerche generiche del tipo "hotel 3 stelle a Rimini" o "b&b a Rimini" sono molto generiche e non includono altre informazioni sul tipo di soggiorno o sulle aspettative dell'ospite. Se la ricerca è invece più specifica, come ad esempio "hotel 3 stelle a Rimini con spa", sicuramente la probabilità che l'utente prenoti è maggiore. Ad esempio, se la nostra struttura ricettiva ha una piscina, possiamo creare una pagina apposita sul sito web, ottimizzata per tutti quelli che cercano esplicitamente questa caratteristica. Nella figura seguente cerchiamo su Google "masseria con piscina a Fasano":

In questo caso riusciamo a fare concorrenza a portali come TripAdvisor, poichè abbiamo un contenuto fortemente rilevante per il nostro utente e potenziale ospite. Notiamo che Google non propone più la home page, ma una pagina interna del sito. Nell'immagine seguente vediamo la pagina in questione, ottimizzata per chi cerca questa parola chiave ("masseria con piscina") su Google:

In questo caso, sia il testo, i nomi e la descrizione delle immagini (il testo alternativo che di solito non è visibile) spingono il motore di ricerca a proporre questo risultato nelle prime posizioni. In effetti il contenuto e le immagini sono più rilevanti anche per chi ha effettuato questa ricerca specifica (l'utente di Google) che sarà quindi incoraggiato a prenotare direttamente dal sito in cui si trova.

Altre caratteristiche che di solito vengono cercate dagli utenti (e potenziali clienti) sono visibili nella barra dei suggerimenti di Google. In pratica, iniziamo a scrivere "hotel a Rimini con..." e Google ci darà immediatamente dei suggerimenti per completare la ricerca, sulla base di cosa cercano più spesso gli altri utenti. Nell'immagine seguente, vediamo cosa viene cercato come caratteristica peculiare, per un hotel a Rimini:

 

Questo è anche un suggerimento per chi gestisce un hotel: se questi servizi sono presenti in struttura conviene pubblicare una pagina apposita (ad esempio "hotel a rimini con idromassaggio in camera") con testi e immagini appropriate. La stessa prova si può fare per chi cerca la formula B&B:

SEO per B&B, posizionamento su Google per bed and breakfast e agriturismi

Quindi, se abbiamo un B&B a Rimini e accettiamo ospiti con cani, allora conviene realizzare una pagina (o un articolo sul blog) dedicato al fatto che sono benvenuti i cani e che da noi ci teniamo agli "amici a quattro zampe", in modo che Google proponga quella pagina come risultato rilevante per la ricerca appena fatta. 

Posizionamento su pacchetti e offerte di periodo

Le ricerche degli utenti possono entrare nello specifico del periodo, e includere i termini "offerte", "pacchetti" e similari. I questo esempio cerchiamo "offerte pasqua e pasquetta":

SEO per Hotel: offerte e pacchetti

anche in questo caso abbiamo una pagina interna che corrisponde ad un pacchetto per il periodo richiesto. Nella prossima immagine, si vede che la pagina in questione presenta la parola chiave (e variazioni simili) nel titolo e nel testo della pagina, ed è quindi ben ottimizzata per essere "preferita" da Google, rispetto a pagine simili di altri siti:

Esempi di ottimizzazione per Google di siti web per hotel e agriturismi 

Posizionamento su Google in inglese e altre lingue

Lo stesso discorso fatto fino adesso può essere applicato in più lingue. Nell'esempio seguente si vede il posizionamento su Google di una pagina in lingua inglese, che corrisponde alla stessa offerta dell'esempio precedente in italiano, e compare se cerchiamo su Google "Easter holiday Fasano" (cioè "vacanze di Pasqua a Fasano"), sia su Google.it che sulle versioni Google.com (internazionale) e Google.co.uk (Regno Unito).

Posizionamento su Google Hotel in Inglese

Come si vede dall'immagine, questa volta Google ha posizionato sia la pagina relativa all'offerta di Pasqua che la home page del sito in versione inglese, come primo e secondo risultato.

Ovviamente, così come negli altri esempi riportati, l'utente è incoraggiato a prenotare direttamente (dal sito o per telefono) poichè si trova già "nel posto giusto", e la pagina che gli viene presentata è quella più pertinente alla specifica ricerca fatta su Google.  

Hai bisogno di consigli sul web marketing per la tua struttura ricettiva?

Vai al Servizio "L'esperto risponde" 

Altre idee e contenuti utili per il SEO

Per approfondire l'utilizzo del posizionamento sui motori di ricerca (SEO è l'acronimo di "Search Engine Optimization") per hotel, agriturismi, b&b e altre attività ricettive:

  • 1

Resta Aggiornato

Inserisci la tua email per ricevere aggiornamenti

Ultimi articoli:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Resta Aggiornato!

Inserisci la tua email per seguire gli aggiornamenti